Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie.

Privacy policy
Seguici su
cerca

Area Archeologica di Monte Castellazzo

Veduta di Monte Castellazzo

L’insediamento su Monte Castellazzo, a 614 metri sul livello del mare, fu scoperto intorno agli anni 50 del Novecento; fu sede in età arcaica di uno dei più importanti insediamenti indigeni dell’area belicina insieme a Monte Maranfusa, Entella, Segesta, da cui dista pochi chilometri in linea d’aria.

Sul fianco meridionale del monte sono stati ritrovati i resti, ancora visibili, di un tratto di muro di fortificazione realizzato in grandi blocchi di calcarenite con relativa porta monumentale d’accesso all’abitato dove, al di sotto delle case indigene arcaiche, sono emersi i resti di capanne della media età del Bronzo (1.400-1.300 a.C.) e di un edificio a pianta rettangolare risalente al periodo arabo-normanno. Sull’acropoli è stato messo in luce un tratto di cinta muraria che recingeva la cima del monte alla quale erano addossati diversi vani di abitazioni.
Questo importante insediamento indigeno dell’età del Ferro, che sul piano storico-culturale è stato in genere attribuito alla civiltà elima della Sicilia occidentale è stato oggetto di un un nuovo ciclo di indagini archeologica.
La campagna del 2008-09 ha interessato due nuovi settori, denominati ‘Campo IV’ e ‘Campo V’.
Nel Campo IV, situato nella ‘città bassa’ lungo il limite Sud-SudEst del monte, sono stati portati alla luce i resti di un edificio di età tardo-arcaica, contenente interessanti reperti di produzione locale e di importazione che attestano stretti contatti fra mondo indigeno e mondo coloniale.
Nel Campo V, situato nella ‘città alta’ a ridosso della cima, si è invece portata alla luce una poderosa costruzione a pianta rettangolare, caratterizzata da alcuni muri a telaio, risalente al VI-V sec. a.C. In entrambi i cantieri sono anche emersi contesti più antichi di minore entità, che comunque gettano nuova luce sulla cultura materiale dell’insediamento indigeno di Monte Castellazzo nell’età del Ferro, in un periodo antecedente il contatto col mondo greco coloniale.

AREA ARCHEOLOGICA DI MONTE CASTELLAZZO
91020 Poggioreale (TP)

Apertura: Ingresso su prenotazione

Biglietto: gratuito

Contatti:

Tel. +39 0924 952356
parco.archeo.segesta@regione.sicilia.it

Galleria fotografica